ACCERTAMENTI TRIBUTARI E ANTIECONOMICITÀ

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 8926 del 14 maggio 2020, in tema di accertamento tributario, ha statuito che l'Amministrazione finanziaria può determinare il reddito del contribuente in via induttiva, pur in presenza di contabilità formalmente regolare, ove quest'ultima sia intrinsecamente inattendibile per l'antieconomicità del comportamento del contribuente, che può desumersi anche da un unico elemento presuntivo, purché preciso e grave, quale l'abnormità della percentuale di ricarico. Solo in questo caso è, infatti, possibile accertare i maggiori ricavi di impresa affidandosi alla considerazione della difformità della percentuale di ricarico applicata dal contribuente rispetto a quella mediamente riscontrata nel settore di appartenenza.
Lecce, 10 luglio 2020
Studio Legale Tributario Leo